Il Ruolo del Gioco
Logo IRDG
Logo IRDG
Home Page - - Forum Istituzionale - Contattaci

5) Le funzioni


Nella programmazione Iterativa abbiamo visto l’importanza di ripetere le stesse operazioni più volte; spesso però tale situazione non è continuativa, ma si presenta in momenti diversi durante l’esecuzione del programma.

Per risolvere questa situazione ci vengo incontro le Funzioni.

In pratica una funzione è un microprammi al quale "passiamo" delle variabili, e questa ci darà un risultato.

 

Un esempio pratico è una funzione che, datigli due numeri, ne restituisce la somma

Passo 1: dichiarazione funzione prima del programma

Funzione somma (valore1, valore2)

somma = valore1+valore2

fine funzione

 

Passo 2 Chiamata della funzione dentro il programma

miasomma = somma(6,7)

 

Questa operazioe manda alla funzione "somma" i due parametri (6 e 7)

dentro la funzione, la funzione stessa assumerà il valore della somma edi 2 parametri (13)

la variabile miasomma, assumerà il valore di ritorno della funzione somma.

 

Chimando nuovamente la funzione somma in un altro punto del programma, otteremo la somma dei nuovi parametri passati, senza dover ripetere tutto il codice presente dentro la funzione (in questo caso il problema è relativo, ma per funzioni più grandi la cosa può risultare parecchio utile).

 

Di default, solitamente, la funzione non può modificare  il vaore delle varibili che gli vengono passate, ma sfrutta solamente il loro valore (passaggio dati per valore) preservando l’indipendenza tra programma e funzione. Alcuni linguaggi permettono di configurare la funzione in modo che  i le varibili trasmesse siano modificabili (passaggio dati per riferimento); Aumentando quindi la potenzialità della funzione, a discapito di un maggior rischio per i dati stessi.

 

Ulteriormente alcuni linguaggi permettono di avere funzioni con parametri opzionali, in questo caso, se uno o più parametri non vengono indicati nella chiamata, la funzione stessa gli assegna dei valori predefiniti.