Il Sabbat

La croce del Sabbat

Il Sabbat è visto dall’esterno come una setta bestiale. In realtà i membri di questa setta seguono un preciso e complesso codice morale che li guida alla salvezza, un codice che si basa sul valore effettivo di una persona. Il sistema più semplice è quello di essere un grande guerriero in grado di scontrarsi da solo contro 3 suoi pari, ma non vengono sdegnati branchi di guerrieri in grado di combattere sincronizzati, cosi come sono ben apprezzati strateghi, ma, come si può vedere, sono tutte figure portate a migliorare il sistema di combattimento di ogni membro.


Periodo ufficiale: dal 1493 fino ad oggi

Principi ispiratori

1) Libertà e Lealtà
2) Rispetto per tutti i compagni
3) Se da soli siamo in pochi, in pochi siamo un esercito; cosa succederà quando saremo in molti?
4) La Gehenna è realtà, è necessario aumentare la propria forza per essere potenti guerrieri quando ciò accadrà.
5) Un vampiro vale in base a ciò che dimostra, non per quanto è anziano.
6) Tutti i compagni sono uguali, nessuno deve morire per la codardia di un altro, nemmeno se questi è il suo sire.
7) I mortali sono animali, e si dividono in tre categorie: da macello, da caccia, da lavoro.
8) La distruzione degli antidiluviani è l’unico sistema per sopravvivere, chi non serve la setta serve gli antidiluviani, e pertanto merita la morte.

Leggi:

Il Codice di Milano:
Il codice di Milano fornisce le regole basilari che devono essere osservate da tutti i membri della Setta

1) Il Sabbat deve rimanere unito a rapporto del suo Reggente. Se necessario verrà eletto un nuovo Reggente. Il Reggente dovrà guidare il Sabbat nella lotta conto i Tiranni, verso la libertà.
2) Tutti i membri del Sabbat devono agire al meglio per servire i propri capi finché questi servono il Reggente.
3) Tutti i membri del Sabbat devono osservare gli Auctoritas Ritae.
4) Tutti i membri del Sabbat devono mantenere la parola data ad un altro membro del Sabbat
5) Tutti i membri del Sabbat devono trattare i propri sottoposti con equanimità, per garantire l’unità della Setta. Se necessario devono provvedere ai bisogni dei loro confratelli.
6) Tutti i membri del Sabbat devono porre i bisogni della Setta prima dei propri, a qualunque costo.
7) Il membro del Sabbat che non onora questo codice non sarà più considerato al pari degli altri, perciò non avrà diritto alla protezione fornita dalla Setta.
8) Come è sempre stato, così sarà per sempre. La Lextalionis è il modello della giustizia immortale nel Sabbat.
9) Tutti i membri del Sabbat devono proteggersi a vicenda dai nemici della Setta. I nemici personali sono problemi personali, a meno che non minaccino la sicurezza del Sabbat.
10) Tutti i membri del Sabbat devono proteggere i territori della Setta dagli attacchi di qualunque nemico.
11) Lo spirito di libertà deve essere il principio fondamentale della Setta. Tutti i membri del Sabbat devono aspettarsi e chiedere libertà ai propri capi.
12) Il diritto di monomachia deve essere usato per dirimere le dispute interne alla Setta.
13) Tutti i membri del Sabbat devono sostenere la Mano Nera.
14) Tutti i membri del Sabbat hanno il diritto di sorvegliare la condotta e le attività dei propri sottoposti per conservare libertà e sicurezza.
15) Tutti i membri del Sabbat hanno il diritto di invocare un Concilio con i loro sottoposti e il diretto superiore.
16) Tutti i membri del Sabbat hanno il dovere di agire contro chi, nella Setta, usi potere e autorità per scopi personali. Qualunque iniziativa contro questi traditori dovrà essere appoggiata alla maggioranza del Circolo Interno, sulla base di prove concrete.

Sigillo ufficiale del Sabbat